Rete, confronto e condivisione: incontro con progetto Selianthus - Umbria

Consemi partecipa con il partner Rete Semi Rurali agli incontri del Progetto Selianthus in Umbria.

Confronto, rete e condivisione con altre realtà italiane sono per noi importanti!

Il 19 luglio giornata all’azienda agricola Melagrani a Castiglion del Lago e il 20 luglio da Janas a Porna: visite alle parcelle sperimentali e prove di degustazione di pane e pasta!

Per conoscere il progetto clicca qui


Sperimentazione in campo - 2020

LA SPERIMENTAZIONE IN CAMPO

Nei mesi di giugno e luglio 2020 abbiamo effettuato la raccolta delle varietà seminate nelle prime parcelle sperimentali che andranno a costituire le prime accessioni della nascente Casa delle Sementi del Veneto.

Sono 12 gli agricoltori coinvolti nella semina delle prime parcelle raccole nei mesi di giugno e luglio, oltre all’Ist. agrario Stefani-Bentegodi di Buttapietra partner del progetto. Alcuni agricoltori coinvolti sono soci della coop. agricola El Tamiso, anch’essa partner del progetto.

Durante questo primo anno di sperimentazione sono state seminate 30 parcelle di 2mq ciascuna, distribuite in tutto il territorio veneto, a cui si aggiungono quelle dell’Ist. agrario.

Per maggiori informazioni potete scriverci alla mail: casasementiveneto@consemi.it

Per approfondire il nostro lavoro in campo clicca la foto sotto:

Alcuni momenti della raccolta effettuata a Buttapietra con la mietitrebbia parcellare.

L’iniziativa si inserisce nelle attività previste dal progetto “CONSEMI – CONsolidamento di filiere cerealicole innovative basate su SEMI adattati ai sistemi agroecologici”

PARTNER DEL PROGETTO: AVE.PRO.BI., FIRAB, Rete Semi Rurali, El Tamiso Società Cooperativa Agricola, Antico Molino Rosso srl, Società Cooperativa Agricola Mais Marano, Istituto Istruzione Superiore Stefani-Bentegodi, C.IP.A.T. Veneto
Iniziativa finanziata dal programma di sviluppo rurale per il Veneto 2014-2020
Organismo responsabile dell’informazione: A.Ve.Pro.Bi.
Autorità di gestione: Regione del Veneto – Direzione AdG FEASR Parchi e Foreste


Si è concluso il corso e-learning: recupero, salvaguardia e valorizzazione dei cereali antichi in ambito locale

Il corso gratuito “Recupero, valorizzazione e salvaguardia dei cereali antichi in ambito locale” si è concluso il 14 luglio 2020 con la visita in campo delle parcelle di cereali presso l’Ist. agrario Stefani-Bentegodi a Buttapietra (VR) e la visita al laboratorio di panificazione presso l’Antico Molino Rosso.

Nei primi mesi del 2021 verrà programmato un nuovo corso di formazione.

I corsi sono finanziati nell’ambito della misura 1.1. del PSR Veneto 2014-2020.

Per informazioni:
Cipat Veneto, tel. 041.929167
mail: info@cipatveneto.it


Il corso "Recupero, salvaguardia e valorizzazione dei cereali antichi in ambito locale" è SOSPESO fino al 3 aprile come da DPCM del 9 marzo 2020

A seguito del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020 per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 tutte le lezioni previste per questo periodo sono SOSPESE e RINVIATE a data da destinarsi.

Il nuovo calendario sarà comunicato non appena potrà essere riprogrammato.

 

Per informazioni:
Cipat Veneto, tel. 041.929167
mail: info@cipatveneto.it


Vincitore concorso logo "Consemi"

Il concorso di idee LOGO CONSEMI lanciato a dicembre e conclusosi il 31 gennaio ha visto l’arrivo di 20 lavori da tutta Italia soprattutto da parte di giovani studenti e studentesse.
Dopo un’attenta valutazione sia tecnica che di senso il lavoro vincitore è quello di Federica Prunotto e Maria Anghileri.
Complimenti alle vincitrici che raccontano così il loro logo:

“La considerazione di base che ha ispirato il lavoro è stato il delicato equilibrio che lega l’attività agricola, l’ambiente e la salute umana, un equilibrio che per essere rispettato non può prescindere dal territorio in cui l’attività stessa si sviluppa.
Nel logo da noi pensato gli elementi caratterizzanti sono stati il colore e il simbolismo secondo i criteri di seguito illustrati:
Il colore verde, declinato nelle sue diverse tonalità vuole essere un chiaro richiamo alla natura e alla sua biodiversità.
La forma a ellisse del simbolo grafico che dinamicamente si espande rappresenta stilizzandola sia la forma del seme sia la sua crescita.
La lettera “S” cocì capovolta richiamando il simbolo dell’infinito ricorda il cicliclo susseguirsi delle stagioni e il divenire del seme a frutto e nuovamente a seme, inoltre, la concavità rivolta verso l’alto in cui il seme accolto e custodito diviene frutto simboleggia la mano dell’uomo custore consapevole della natura”.

Grazie a tutti i partecipanti!

G.O. Consemi